Herbert Bayer: Il design è storia

Tra il suo periodo al Bauhaus e la sua carriera in America ha trascorso del tempo come Art Director dell’ufficio berlinese della rivista Vogue. I suoi contributi nei campi della grafica, della tipografia e della pubblicità sono stati molti. Uno che dovrebbe essere notato era il suo disegno per un carattere tipografico che consisteva di lettere interamente minuscole. I tipi di blackletter tedeschi erano eccessivamente ornati per i suoi gusti e il loro uso della lettera maiuscola per ogni nome proprio era fastidioso. Logicamente, Bayer ha sviluppato un alfabeto sans-serif di lettere minuscole intitolato “Universale”.
Nel 1946 Bayer si trasferì ad Aspen, Colorado, dove trascorse gran parte del suo tempo a progettare architetture locali e manifesti per la comunità locale. Nel 1959 disegnò un altro carattere sans-serif. Ancora una volta era tutto in minuscolo, ma lo chiamava “fonetik alfabet” e conteneva caratteri speciali per le desinenze-ed, -ion, -ory e-ing. È uno dei designer più riconosciuti provenienti dall’istituzione del Bauhaus e le sue teorie sul design sono ancora insegnate in molte scuole oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.